páginas vistas

sábado, 8 de octubre de 2016

Grazie Roma. Mi cumple en Milán.



Mi cumpleaños 40 los cumplí yendo en un tren de Milán a Venezia. Pero, los celebré el mismo dia 16 de marzo en Milán, en una tratttoria (que reservó Yussem e Israel) donde borrachos todos cantamos a gritos una  canción desconocía para mi en ese instante,  ahora convertida  en la banda sonora de mi primer viaje a Italia, Grazie Roma de Antonello Venditti.

No fui a Roma hasta el 2010, pero esto fue un adelanto.


"Dimmi cos'è che ci fa sentire amici 
anche se non ci conosciamo. 

Dimmi cos'è che ci fa sentire uniti 
anche se siamo lontani. 

Dimmi cos'è, cos'è 
che batte forte, forte, forte in fondo al cuore, 
che ci toglie il respiro e ci parla d'amore. 

Grazie Roma, 
che ci fai piangere e abbracciarci ancora. 
Grazie Roma, grazie Roma, 
che ci fai vivere e sentire ancora una persona nuova. 

Dimmi cos'è quella stella grande grande in fondo al cielo 
che brilla dentro di te 
e grida forte forte in alto al cuore, 

Grazie Roma, 
che ci fai piangere e abbracciarci ancora. 
Grazie Roma, 
grazie Roma, che ci fai vivere e sentire ancora una persona nuova. 

Dimmi chi è chi è che mi fa sentì importante 
anche se non conto niente, 
che mi fa re quando sento le campane 
la domenica mattina. 

Dimmi chi è chi è 
che mi fa campà sta vita così piena di problemi 
e mi dà coraggio se tu non mi vuoi bene. 

Grazie Roma, 
che ci fai piangere e abbracciarci ancora. 
Grazie Roma, 
grazie Roma, che ci fai vivere e sentire ancora una persona nuova..."












No hay comentarios:

Publicar un comentario